Chiuso il 2016, arrivano già i primi risultati dei Nuclei Cinofili Antiveleno di PLUTO nel 2017

Dopo le 80 ispezioni effettuate nel corso del 2016, i Nuclei Cinofili Antiveleno dei Carabinieri Forestale attivati con il progetto LIFE PLUTO proseguono l'attività e segnano già un primo risultato.

I sei Nuclei Cinofili Antiveleno hanno iniziato ad operare nei territori di competenza a partire dal mese di luglio 2016, svolgendo complessivamente 59 ispezioni periodiche e 21 ispezioni urgenti; queste ultime, che sono state attivate a seguito della segnalazione di bocconi o di altri materiali sospetti, hanno avuto esito positivo in nove casi.
I Nuclei, in queste circostanze, hanno provveduto ad effettuare ricerche accurate nelle aree interessate e le hanno bonificate da bocconi potenzialmente avvelenati che avrebbero potuto causare la morte di animali selvatici e, talvolta, anche domestici.
A far registrare le nove ispezioni positive sono stati i Nuclei Cinofili Antiveleno con sede nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, in provincia di Isernia (Molise) e nel Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise.
In totale questi tre NCA hanno rinvenuto, grazie alle insostituibili capacità dei cani Puma, Noche ed Africa, ben 24 bocconi sospetti, quattro carcasse di animali e vari materiali utili alle successive indagini.
Nel 2017 la prima ispezione positiva è stata registrata all'inizio di febbraio nei pressi di San Sepolcro (AR) ad opera del Nucleo Cinofilo Antiveleno del Coordinamento Territoriale Carabinieri per l'Ambiente del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. Puma, un pastore belga malinois, ed il suo conduttore hanno rinvenuto un boccone composto da una salsiccia contenente granuli neri, che è stata poi conferita all'Istituto Zooprofilattico Sperimentale Lazio e Toscana per le analisi del caso.
Nel corso del 2017 i Nuclei, che hanno sin qui operato potendo contare su di un solo cane, disporranno anche di un secondo cane che, già acquisito nell'ottobre 2016, sta ultimando un periodo di ambientamento e di perfezionamento dell'addestramento nella ricerca di bocconi avvelenati.

  • Immagine 1
  • Boccone avvelenato
  • Immagine 2
  • Noche con il suo conduttore
  • Immagine 3
  • Boccone avvelenato
  • Immagine 4
  • Puma
  • Immagine 5
  • Il cane Africa vicino ad un boccone appena individuato
LIFE13 NAT/IT/000311 PLUTO
Copyright © 2015 - Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga
P. IVA 01439320662 - Tutti i diritti riservati
Il sito è realizzato con il contributo dello strumento finanziario LIFE della Comunità Europea